Seguici sui social

Gentile amministratore, le espongo il complesso problema al quale desidererei ricevere un vs parere. Sono proprietario di un appartamento …

  • Domande
  • Amm. Condominiale
  • Gentile amministratore, le espongo il complesso problema al quale desidererei ricevere un vs parere. Sono proprietario di un appartamento …
0
0

Gentile amministratore, le espongo il complesso problema al quale desidererei ricevere un vs parere. Sono proprietario di un appartamento sottostante un lastrico solare (200 m.q.) ad uso esclusivo. Il palazzo di inizio 900 è stato completamente ristrutturato in seguito al terremoto del 1980 in Campania. Dal 2005 lamento (tutto documentato nei verbali) copiose infiltrazioni di acqua nel mio appartamento ed il condominio non ha mai provveduto al rifacimento del manto impermeabilizzante. Soltanto nel 2013 in seguito a sollecitazione da parte del mio legale, il condominio provvede al rifacimento dell’intero lastrico solare con spesa ripartita secondo quanto previsto dall’art. 1126 del cc. A distanza di circa sei mesi dall’ultimazione dei lavori, una parte cospicua di soffitto (spessore 4 cm), di un vano del mio appartamento, si distacca sfiorando la tragedia. Intervengono i vigili del fuoco che redigono un verbale sul quale viene annotato di non frequentare gli ambienti dell’appartamento per pericolo di ulteriori crolli. A distanza di 8 mesi dall’accaduto, l’amministratore e tutti i condomini, ancora non si preoccupano di risolvere il problema (ho ricorso all’art. ex 700 e il CTU dovrebbe essere nominato il prossimo 8 gennaio). Dal giorno dell’accaduto, siamo costretti a vivere in un appartamento preso in fitto. Nell’ultima riunione del 16 dicembre scorso, si evince dal verbale assembleare che in seguito ad accertamenti effettuati sul comune, da parte dell’amministratore, risulta che sul fabbricato c’è un tetto e non un lastrico solare, per cui non è il condominio responsabile dell’accaduto ma bensì il proprietario esclusivo del lastrico solare. Ricordo che negli ultimi 3 anni sono stati effettuati lavori al fabbricato (androne, facciate ecc), tra cui il rifacimento del terrazzo per circa 180 mila euro. Secondo l’amministratore l’abuso edilizio sarebbe stato commesso dal proprietario esclusivo nel corso dei lavori post terremoto (1983-1984). Il condominio da sempre (almeno dal 1985) è a conoscenza della presenza del lastrico solare, tanto da partecipare anche alle spese di manutenzione e di rifacimento. Domanda: nel corso dei lavori di ristrutturazione degli ultimi anni, è possibile che nessuno dei tanti tecnici incaricati e pagati dal condominio abbia rilevato un tale abuso tramite DIA o SCIA?. Può il condominio lavarsi le mani dopo circa 30 anni senza che mai abbia accertato un abuso del genere. Chi paga le spese per il ripristino dello stato di fatto del mio appartamento? In attesa di un Vs parere in merito auguro un Buon Natale. Fausto Manna

Marked as spam
Pubblicato da (Domande: 119, Risposte: 0)
Chiesto su 25 Gennaio 2018 15:59
353 visualizzazioni
Domanda pubblica
0
Risposta privata

Purtroppo il caso descritto è molto comune, soprattutto in materia di abusi edilizi. Tralascio la parte che concerne la riparazione del lastrico solare avvenuta nel 2013 e le conseguenti responsabilità dell’amministratore e soprattutto del progettista/direttore dei lavori che avrebbe dovuto rilevare l’abuso edilizio del tetto durante la fase di presentazione del titolo abilitativo con il comune: in ogni caso, mi sembra di capire, l’assemblea ha deliberato il rifacimento del lastrico, a prescindere l’abuso… pertanto non ritornerei sull’argomento. Per quanto riguarda il soggetto al quale imputare le spese per il ripristino del soffitto del suo appartamento e la richiesta di rimborso per le spese di affitto in un altro locale la procedura è quella di incaricare un tecnico che esamini lo stato dei luoghi ed indichi la causa del danneggiamento. Naturalmente, se il danno è causato dal tetto, allora si dovrà chiedere il risarcimento al proprietario del lastrico solare che ha commesso l’abuso edilizio. Se questi si rifiuta di adempiere allora si dovrà passare alla via legale. Mi sembra di capire che abbia già effettuato questo passaggio… se ho ben letto infatti fa menzione al CTU che dovrà essere nominato il prossimo 8 gennaio. Buone feste…. in “affitto”, saluti!

Marked as spam
Pubblicato da (Domande: 0, Risposte: 14)
Risposto su 25 Gennaio 2018 15:59