Seguici sui social

Innovazione & Tecnologia

Porte basculanti a contrappeso o sezionali: qual è la differenza?

Per il nostro garage, le porte basculanti sono una soluzione ottima, ma qual è la differenza tra i modelli a contrappeso o sezionali? Scopriamone insieme caratteristiche e differenze!

Porte basculanti

Quando arriva il momento di sostituire la porta basculante del nostro garage ci ritroviamo al cospetto delle innovazioni tecniche. Non a caso, la durata di un portone per garage vanta un decennio fino a un trentennio e, in questo frangente, la tecnologia ha fatto dei passi da gigante.

Al di là della funzionalità, la quale andranno valutate attentamente in fase di adozione, ciascun proprietario dovrà selezionare le soluzioni di mercato di alta qualità, proprio per non ritrovarsi a compiere un nuovo acquisto nel giro di pochi anni.

Pertanto, meglio affidarsi agli specialisti del settore i quali, attraversando i cambiamenti, vantano delle soluzioni all’avanguardia, come i portoni garage Silvelox, ricchi di dettagli e di elementi resistenti nel tempo. In questo modo, una volta realizzato il sistema adatto, potremo dimenticarcene e orientare le nostre spese per abbellire altre parti dell’abitazione.

La differenza tra le porte basculanti a contrappeso e sezionali.

Se desideriamo un sistema in grado di gestire dei carichi pesanti e l’uso frequente, la soluzione è da ricercare nei portoni a contrappeso. Questo perché, la tipologia di porte nominate prevede un ingegno di pesi e pulegge destinati ad aprire e chiudere il basculante.

Funzionano grazie a un sistema di pesi raccolto sopra l’apertura del portone. La fonte del collegamento è un insieme di cavi o di catene, le quali consentono al portone di muoversi.

Di base, sono molto resistenti e sono pratici da alzare e da abbassare per mezzo di un telecomando. Oramai la movimentazione a mano non viene più contemplata, sebbene rimanga comunque funzionale come opzione. Il design è semplice e lineare, tale da adattarsi a qualsiasi contesto residenziale o urbano.

Porte basculanti
Porte basculanti a contrappeso o sezionali: qual è la differenza?

A differenza, i portoni sezionali sono costruiti da singole sezioni o pannelli incernierati tra di loro. In pratica, scivolano per aprirsi e chiudersi di lato o verso l’alto. Pertanto, si azionano attraverso un sistema di binari lungo l’asse orizzontale o verticale.

Ciò significa che necessita maggiore spazio e uno studio di progettazione mirato. Sono dei modelli sempre più diffusi in ambito commerciale e residenziale, poiché offrono un insieme di resistenza, isolamento termico e facilità di utilizzo.

I basculanti vengono realizzati con diversi materiali, selezionabili direttamente dall’acquirente. Pertanto, si possono trovare in commercio delle soluzioni di portoni in legno, metallo e vetro, nonché una ricca selezione di design a spina di pesce, lineare, minimalista e altri design, anche personalizzabili.

Sicurezza e manutenzione dei portoni.

In termini di manutenzione e sicurezza, sia le porte a contrappeso sia le porte sezionali vantano dei requisiti ben specifici. Perciò, in fase di acquisto vanno considerati con attenzione, e selezionati in base alla singole esigenze.

Le porte a contrappeso richiedono un’ispezione regolare del peso e del sistema di pulegge per garantire un funzionamento sicuro. Inoltre, la lubrificazione e la manutenzione periodica dei cavi o delle catene sono necessarie per prevenire l’usura, soprattutto in contesti umidi o sottoposti a oscillazioni di temperatura altalenanti.

Per quanto riguarda il modello di portoni sezionali, invece, richiedono un maggior controllo a componenti quali cerniere, rulli e binari per garantire il corretto scorrimento e uno scivolamento senza intoppi. A questo si aggiunge un’ispezione regolare a molle e cavi, nonché una pulizia generale degli infissi.

Commenti

Le notizie più lette